KUBE

Karen Rosalie: la self made woman della fotografia!


Ciao Karen, come stai?

«Ciao! Sto bene, grazie».

Come hai iniziato la tua carriera di fotografa? Sei sempre stata interessata alla fotografia?

«Mi sono laureata in Belle Arti all'università e ho sempre pensato che sarei diventata una pittrice, ma ho frequentato un corso di fotografia nel mio junior year e questo ha suggellato l'accordo per me. Tenere in mano una fotocamera DSLR sembrava giusto e improvvisamente tutto aveva senso. A ripensarci, avrei dovuto saperlo ... Ero sempre la ragazza che ha scattato tutte le foto dei profili Myspace dei miei amici e favevo sempre dei mini photo shoots nella mia cucina dove la luce naturale è la migliore. Al liceo, la mia fotocamera è stata la mia vita. Ai tempi facevo solo delle foto ai miei amici e a me stessa, ma è stato anche così che ho imparato ad usare Photoshop!».

È stato facile connettersi con i marchi?

«Sì e no. Ho contattato marchi e non ho mai avuto risposta, ma poi ho ricevuto un'e-mail nella mia casella di posta da un marchio con cui sono davvero entusiasta di lavorare. Ho iniziato la mia attività principalmente con influencers e forse solo una marca al mese, ma lentamente è cresciuta da un cliente a due e ora lavoro solo con i marchi!».

Qual è stata la tua più grande paura quando hai deciso di aprire il tuo studio in L.A? Raccontaci di più su Rosalie Agency & Studio.

«Rosalie Agency è un'agenzia creativa in cui io e il mio team lavoriamo con i marchi per creare contenuti e campagne. In realtà avevo presentato una LLC e ho avviato Rosalie Agency nell'agosto del 2016, ma non l'ho annunciato ufficialmente fino a marzo 2017 (7 mesi dopo) quando stavo già lavorando per i clienti e sapevo che poteva essere effettivamente qualcosa. Ho aspettato ad annunciarlo, perché ero preoccupata per i clienti e su quanto mi avrebbero presa sul serio, ero solo io all'inizio. Ma avevo grandi sogni e anche se ero la fotografa della mia agenzia, sapevo che un giorno avrei voluto assumere altri creativi ed fare grandi campagne. È sorprendente anche per me quanto rapidamente sia cresciuta l'agenzia Rosalie dopo che ho fatto l'annuncio. Il nostro servizio più popolare è il servizio flatlay a 15 canali per i marchi di bellezza ed è incredibile il numero di marchi che hanno effettivamente bisogno di questo servizio! Rosalie Studio è il mio spazio fotografico di ispirazione parigina basato sul DTLA che affido ad altri creativi e marchi. Ho iniziato questo otto mesi dopo che ho lanciato ufficialmente Rosalie Agency, ero semplicemente eccitata. Questo spazio fotografico era qualcosa che sentivo davvero necessario a LA: uno spazio di vita dove ci sono tonnellate di oggetti di scena disponibili non lo si vede spesso a LA. Di solito quando si affitta uno studio fotografico è solo uno spazio vuoto. Il mio spazio è dotato di tutti questi bellissimi mobili e tonnellate di oggetti di scena, è lo spazio perfetto per i content creators!».

Pensi che i social media siano importanti per migliorare la tua attività? «Assolutamente. Penso che passiamo così tanto tempo sui nostri telefoni e metà di quel tempo è su Instagram. Tutti i miei affari provengono da persone che mi trovano su Instagram, quindi credo al 100% nel marketing tramite IG. Le mie attività non esisterebbero se non fosse necessario creare "contenuti social" o "momenti istagrammabili"».

Come fotografa, hai mai sentito di avere meno opportunità di un uomo? E cosa significa per te il femminismo?

«Scattavo durante la settimana della moda e per la maggior parte del tempo ero l'unica ragazza nella "fossa del fotografo" piena di soli uomini. È stato sempre affascinante per me, ma non mi sono mai sentita scoraggiata da questo. Ero orgogliosa di essere (a volte) l'unica ragazza tra una folla di uomini, letteralmente. Mi sono sentito apprezzata per le mie capacità e non solo come donna, ma anche come individuo ambizioso e grintoso. Amo questa nuova #girlboss community che abbiamo e mi piace lavorare con altri colleghi imprenditrici. Questo è ciò che il femminismo è per me: costruire una comunità di donne forti e solidali».

Hai qualche consiglio per le donne che stanno iniziando la tua stessa carriera?

«Lavora duro e sii grata. Non c'è sostituto al duro lavoro. Non credo necessariamente nel talento, il talento può solo farti arrivare lontano. Quando ho iniziato, ero una fotografa davvero terribile, ma modifico e scatto ogni giorno da sette anni ed eccomi qui, con la mia azienda e lo studio fotografico! Per me è davvero pazzesco e cerco di rimanere grata per tutto quello che ho, perché se non fosse stato per le persone straordinarie e solidali che ho incontrato lungo il cammino, non sarei davvero dove sono oggi».

Cosa ti distingue come fotografa?

«Sono veloce. Penso che tutti i miei clienti siano d'accordo sul fatto che scatto velocemente e faccio girare le foto altrettanto velocemente. Soprattutto nel mondo social, i miei clienti non hanno il tempo di aspettare un mese per il mio turnaround rate. Alla Rosalie Agency giriamo le foto entro una settimana».

Con i tuoi follower di 15K, ti consideri un influencer?

«Non mi considero davvero un influencer, ma suppongo di poter essere considerato un "micro influencer". Mi piace solo condividere sui social con la speranza di aiutare gli altri!».

Recentemente sei andata a Parigi per la settimana della moda, ti saresti mai aspettata di viaggiare così tanto?

«Mai! Non avrei mai pensato che avrei potuto viaggiare tanto quanto adesso e ogni volta che viaggio in un posto nuovo per lavoro non riesco ancora a crederci. La prima volta che sono andata alla settimana della couture di Parigi stavo girando la passerella di Elie Saab, e ho pensato: wow, sono la ragazza più fortunata del mondo».

Come bilanci la vita lavorativa e sociale?

«Penso che questo sia ancora qualcosa con cui lotto spesso. Sono un maniaca del lavoro e sono abituata a portare il mio portatile con me che quando non funziona mi crea ansia - ho qualche problema, lo so - ma ora che ho un ufficio, è davvero bello perché mi costringe a lasciare il lavoro e ad avere un orario di lavoro regolare».

Sappiamo che ci tieni a prenderti cura della pelle! Quali sono i prodotti di cui non potresti fare a meno?

«Sono ossessionata dalla cura della pelle! Al momento non posso vivere senza la mia crema Darphin Exquisage, il Cicapair Correcting Treatment di dott. Jart e la mia Marin Bee Company Lip Repair. Ho bisogno di prodotti che siano semplici e che mi aiutino a mantenere la mia pelle naturale e sana perché non amo indossare troppo make-up».

Le TRE cose che servono per un flatlay perfetto?

«Buona luce, buoni oggetti di scena e un buon background».

(Per più informazioni: https://www.karenrosalie.com/blog-all/2017/8/6/3-easy-tips-to-shoot-a-beautiful-flatlay)

Lingua originale

Hi Karen! How are you?

Hi! I'm good!

How did you start your career as a photographer? Were you always interested in photography?

«I majored in Fine Arts in college and always thought I was going to be a painter-- but I took a photography class in my junior year and that sealed the deal for me. Holding a DSLR camera just felt right and suddenly everything made sense. Looking back on it, I should've known... I was always the girl who took pictures all the profile pictures for my friend's Myspace and I used to have mini photo shoots in my kitchen where the natural light was best. In high school, my point and shoot camera was my life. I was just taking pictures of my friends and myself back then, but that was also how I learned photoshop!»

Was it easy to connect with brands?

«Yes and no. I've reached out to brands and have never heard back, but then I would get an email in my inbox out of the blue from a brand that I'm really excited to work. I started my business mostly serving influencers and maybe just one brand a month, but slowly it grew from one brand client to two and now I only work with brands!»

What was your biggest fear when you decided to open your own studio in L.A? Tell us more about Rosalie Agency & Studio.

«Rosalie Agency is a creative agency where my team and I work with brands to create elevated content & campaigns. I had actually filed for an LLC and started Rosalie Agency back in Aug of 2016. But I didn't make the official announcement until March 2017 (7 months later) when I had already been producing work for clients and I knew it could actually be a thing. I waited to announce it because I was worried about landing clients and if people would take me seriously because it was just me in the beginning. But I had big dreams and even though I was the photographer of my own agency, I knew one day I wanted to hire other creatives and take on bigger campaigns. It's surprising even to me just how rapidly Rosalie Agency started to grow after I made the announcement. Our most popular service is the 15-grid flatlay service for beauty brands and it's amazing how many brands actually needed this service!

Rosalie Studio is my Parisian inspired photo space based in DTLA that I rent out to other creatives and brands. I started this eight months after I officially launched Rosalie Agency, so by the second time around of launching a business, I was just excited. This photo space was something I really felt LA needed-- a lifestyle space where there are tons of props available, you don't really see that in LA. Usually when you rent a photography studio, it's just an empty space. My space comes with all these beautiful furniture pieces and tons of props-- it's the perfect space for content creators! »

Do you think Social Media is important to improving your business?

«Absolutely. I think we spend so much time on our phones and half of that time is on Instagram. All of my business comes from people finding me on Instagram so I 100% believe in marketing via IG. My businesses wouldn't exist if it wasn't for the need to create "social content" or "instagrammable moments." »

As a photographer, have you ever felt like you have less opportunity than a man? And what does feminism mean to you?

«I used to shoot at fashion week and most of the time I'd be the only girl in the "photographer's pit" crammed with all men. It was always fascinating to me but I've never felt discouraged by it. I was proud to be (sometimes) the only girl amongst a pit of men, literally. I just felt enabled in my abilities not just as a woman but as an ambitious and driven individual. I love this new #girlboss community that we have and I love working with other fellow female entrepreneurs. That's what feminism is all about to me-- building a community of strong and supportive women. »

Do you have any advice for women who are starting the same career as you?

«Work hard and be thankful. There's no substitute to hard work. I don't necessarily believe in talent, talent can only get you so far. When I first started, I was a really terrible photographer. But I would edit and shoot every day and seven years later here I am, with my own company and photo studio! It's really crazy to me still and I try to stay thankful for everything I have because if it wasn't for the amazing and supportive people I've met along the way, I really wouldn't be where I am today. »

What makes you stand out as a photographer?

«I'm fast. I think all my clients can ubiquitously agree that I shoot fast and turn photos around really fast. Especially in the social world, my clients don't have time to wait a month for my turnaround rate. At Rosalie Agency, we turn photos around within one week. »

With your 15K followers, do you consider yourself an influencer?

«I don't really consider myself an influencer-- but I suppose I can be considered as a "micro influencer." I just like to share on social and hopefully help others! »

You recently went to Paris for Fashion Week, have you ever expected to travel this much?

«Never! I never thought I would be able to travel as much as I do now, and every time I travel to somewhere new for work, I still can't believe it. The first time I went to Paris couture week and I was shooting the Elie Saab runway, I just thought to myself, wow, I'm the luckiest girl in the world.»

How do you balance working and social life?

«I think this is still something I struggle with a lot. I'm such a workaholic and I'm so used to carrying my laptop around with me that not working gives me anxiety. (So unhealthy I know.) But now that I have an office, it's really nice because it forces me to leave work at the office and have regular work hours.»

We know you’re really into a good skincare regime! Which are the products you couldn’t live without?

«I'm obsessed with skincare! Currently I can't live without my Darphin Exquisage cream, Dr Jart Cicapair Correcting Treatment and my Marin Bee Company Lip repair. I need products that are effortless and help me keep my skin natural and healthy because I don't love wearing a ton of makeup.»

3 tips for a perfect flatlay.

«Good light, good props and a good background. (I break it down more here: https://www.karenrosalie.com/blog-all/2017/8/6/3-easy-tips-to-shoot-a-beautiful-flatlay

#karenrosalie #rosalieagency #girl #photographer #fotografia #creative #art #arte #donne #femminismo #intervista

20 visualizzazioni
logo_kube_bianco_vector.png

© 2020 by KubeCommunity

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now