KUBE

Alexandria Ocasio-Cortez ci insegna la leadership femminile


Impossibile non amarla: la più giovane congresswoman nella storia americana, oltre che volto della politica democratica USA è, ormai, quasi una star. Seguitissima sui social (con più di tre milioni di follower su Instagram e oltre quattro milioni su Twitter), Alexandria si è fatta strada quasi dal nulla con le sue idee progressiste, il suo amore per la città di New York e il suo carisma a dir poco coinvolgente. Lo scorso novembre, ad appena 29 anni, è riuscita a battere il candidato dell'establishment dei Democratici, aggiudicandosi il posto di senatrice. Ora la sua incredibile campagna elettorale è stata addirittura raccontata in un documentario Netflix all'insegna del women empowerment.

Ma cosa rende Alexandria così unica? Al di là della sua contagiosa forza d'animo, sono molti gli aspetti che rendono il suo approccio alla politica e alla leadership un'assoluta novità. Le donne hanno da sempre faticato a trovare il loro modo di gestire il potere, proprio perché la posizione del leader è stata tradizionalmente cucita su misura per gli uomini. Questo ha fatto sì che, sopratutto in passato, molte donne si trovassero a dover assumere degli atteggiamenti maschili per non risultare fuori posto e venire quindi delegittimate qualora i loro lati femminili andassero a scontrarsi con il tradizionale modello di leader.

Per una donna al potere, quindi, risulta spesso presente il dilemma di come bilanciare la propria femminilità per adattarla al proprio ruolo. Questo, però, non sembra affatto il caso di Alexandria. La congresswoman infatti si mantiene spontanea e naturale senza perdere un briciolo di credibilità e senza lasciare che gli stereotipi di genere vadano ad intralciare il suo ruolo politico. Forse è il segno che qualcosa sta cambiando e che le generazioni di oggi sono in grado di concepire il ruolo di leader in modo più fluido e sfaccettato.

Ecco quindi cinque motivi per cui AOC incarna un perfetto esempio di leadership femminile.

1. UNA DI NOI

Nonostante il suo incarico politico, Alexandria fa di tutto per ricordare ai suoi elettori il suo essere prima di tutto rappresentante della comunità di cui fa parte. Scordatevi quindi il politico distaccato e preso dai suoi impegni istituzionali e dalla sua immagine personale, AOC è e rimarrà sempre una ragazza del Bronx che ama parlare con le persone perché é da lì che il suo impegno politico deve partire. Il dialogo con gli elettori, quindi, è essenziale e Alexandria sfrutta molto i social come mezzo di condivisione. Sul suo profilo Instagram possiamo trovarla intenta a cucinare e, mentre chiede consigli di cucina in diretta, parla degli ultimi provvedimenti discussi al Congresso. Allo stesso modo, tramite Twitter i follower sono costantemente aggiornati sul suo lavoro e vengono a contatto con la sua vita da senatrice.

2. IL NOSTRO LAVORO È SERVIRE, NON COMANDARE

Le donne, si sa, sono da sempre associate alla cura e all'accudimento, aspetti spesso visti come ben distanti da chi si trova in una posizione di potere. Alexandria ha completamente ribaltato questo stereotipo, parlando molto chiaramente dell'importanza di mettersi al servizio. In un suo Tweet diventato virale, la ragazza ha infatti parlato della sua esperienza come impiegata in un bar e di come sia sbagliato percepire il ruolo di senatrice come intrinsecamente migliore di quello di cameriera. Anzi, secondo AOC c'è molto da imparare da chi si prende cura del prossimo: il lavoro del politico e del leader, infatti, è proprio quello di servire la propria comunità prestando attenzione ai bisogni di tutti. Una lezione di politica, ma anche e sopratutto di vita.

3. NON DIMENTICARE LA TUA IDENTITÀ